Testatina
Pantofole Magicfelt La leggera (unisex)
€ 59,90
€ 49,00

Tradizionali pantofole in feltro da casa con suola anti-scivolo in pelle. Grazie alla lavorazione artigianale il feltro ...

La capanna di Seelaus

Il Joch era un uomo buono ma particolarmente sfortunato che viveva in una piccola casetta sull’Alpe di Siusi e nonostante tutti gli sforzi, a stento riusciva a mettere qualcosa sotto i denti perché la mala sorte lo perseguitava.

Una sera, mentre se ne stava mogio mogio nella sua capanna a rimuginare le sventure, l’uscio si spalancò improvvisamente e apparve un forestiero dal vestito verde muschio con ampio mantello sulle spalle e un cappello piumato in capo.

Joch sgranò gli occhi per l’inaspettata sorpresa poi, ancora titubante, lo invitò cortesemente ad entrare ed a accomodarsi presso il caminetto. “Entrate, entrate pure a scaldarvi vicino al fuoco. Questa purtroppo è l’unica cosa che posso offrirvi perché, come vedete, la mia dispensa è vuota al pari del mio stomaco”.

Con un sorriso lo straniero accennò un segno di ringraziamento, poi levò la sacca che aveva sulle spalle e ne cavò, ponendole sul tavolo, prelibate cibarie e un paio di bottiglie di buon vino.
“ Mamma mia che bontà!” esclamò il contadino con gli occhi luccicanti dalla meraviglia e in un battibaleno prese piatti, posate, bicchieri e apparecchiò la tavola.

I due si misero così bonariamente a mangiare e bere chiacchierando sulla malasorte che avversava il povero Joch; “se è solo questo il tuo problema” rispose a un certo punto l’ospite “sarò ben lieto di alleviare le tue pene.” e nel mentre tirò fuori dalla tasca una borsellino con dentro cento ducati nuovi di zecca.

“ Mio Dio!” esclamò stupefatto il contadino che mai in vita sua aveva visto tanto denaro messo assieme. Ma a quelle parole «Mio Dio» lo sconosciuto sobbalzò dalla sedia con un urlo terrificante e sulla fronte gli spuntarono due corna da diavolo.

Che frastuono!

Il contadino rimase lì sbigottito, a bocca aperta, senza neanche accorgersi che nel frattempo il diavolo gli aveva messo una penna in mano e lo costringeva a firmare una pergamena.

“ Bene!” pronunciò solenne il satanasso “Questo è il contratto. Se entro dieci anni non mi restituirai i cento ducati la tua anima diverrà mia!”
I dieci anni passarono velocemente da quell’infame notte e Joch era disperato perché aveva speso tutti i soldi del maligno per abbellire la capanna ed acquistare del bestiame.

Pensa e ripensa... ma niente, la sua anima era proprio condannata. E così se ne stava seduto lì su un tronco nel bosco a spremersi le meningi, quando vide un nanetto intento a rubargli la scure. “Ah farabutto” saltò su il contadino avvinghiandolo per la cinta dei pantaloni.
“ Scusa, volevo usarla solo per un pochino” mugugnò lo gnomo “e poi mica ti ho preso l’anima...”

Alla parola «anima» il povero Joch scoppiò in pianto mettendosi a bofonchiare sulla triste disavventura che gli era capitata col diavolo.
“ Su, su non preoccuparti,” lo confortò il nano “ti aiuterò io ben volentieri. In cambio però devi donarmi la tua scure”.

Il contadino non se lo fece dire due volte e con grande foga lo prese sottobraccio precipitandosi di corsa a casa. Colà lo gnomo raccolse un pezzo di carbone dal focolare e salito su una sedia fin sullo stipite della porta vi scrisse la parola «Sell aus» (senz’anima): “vedi, il diavolo che ha la memoria corta per il gran daffare, usa metter questa scritta sulla porta del dannato a cui toglie l’anima, in modo da non sbagliarsi. Così, quando arriverà stasera, penserà di essere già passato e ti lascerà in pace”.

Fidarsi sì, ma quando c’è di mezzo l’anima non si può mica scherzare tanto, e a tal pensiero il Joch se ne stava tutto rintanato ad aspettare con i denti che gli battevano forte dalla paura.

Ma giunta la mezzanotte ecco soppraggiungere il diavolo che reclamava il suo denaro:

“ Dieci anni son passati
sonanti ducati ti prestai
se ridarmeli non potrai
l’anima tua più non avrai”.

“ Smemorato di un diavolo” rispose prontamente il nano “Giusto ieri la mia anima ti pappasti. Ora cosa pretendi ancora?”.


A tali parole il maligno rimase alquanto confuso. Poi, vedendo la scritta «Seel aus» (senz’anima) sulla porta, dovette farsene una ragione e sparì via borbottando.

Il mattino seguente tutti i paesani poterono leggere per bene quelle parole ed ancora oggi il rifugio, che si trova sull’Alpe di Siusi, ha nome Seelaus.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Pane croccante - Schüttelbrot Näckler classico

€ 3,95

Giacca in lana cotta Steinbock Wels (uomo)

€ 265,00
€ 225,00

Pantalone Blaser Vintage Primaloft Paul (uomo)

€ 329,95
€ 280,00